FABIO SCOLARI

Fabio Scolari è nato nel 1975 ed è originario di Pescantina (VR).

Nel suo percorso di crescita si è approcciato a varie attività sportive sia di squadra che individuali: il basket, la pallavolo, la canoa. Approfondisce poi in particolar modo lo studio delle arti marziali, praticando karate, judo e kick boxing.

Nel 1996, sotto la guida del Maestro (Magistro Re) Giovanni Rapisardi, inizia lo studio della scherma occidentale medievale; nel 2000 si diploma Istruttore Regionale (Magistro Scholare) in Scherma Storica Medievale presso l’Accademia Nazionale di Scherma di Napoli e, sempre presso la stessa, nel 2006 consegue il diploma di Istruttore Nazionale (Magistro) in Scherma Storica Medievale, primo in Italia a conseguire tale titolo.

Sempre nel 1996 comincia a studiare recitazione teatrale presso la compagnia Gruppo popolare Le Contrade, sotto la guida del regista Delio Righietti e dell’insegnante di canto e recitazione Enrica Compri, recitando negli spettacoli “In riva a l’Adese tanto tempo fa” (1996-1998), “Canten ‘sta piassa fin che i ne lassa” (1998-2000), “Bella Italia amate sponde” (2000-2002).

Nel 1999 fonda con alcuni compagni schermidori l’associazione Ordine delle Lame Scaligere, presso la quale si occupa dell’insegnamento e della diffusione dell’arte della scherma storica a Verona dal 2000 al 2015, nella Scuola della Fenice, e dal 2010 al 2015 nella Scuola del Grifone rivolta a bambini e ragazzi; dal 2003 al 2014 ricopre presso la stessa il ruolo di Presidente, coordinando un efficiente gruppo direzionale che è propositore ed organizzatore delle diverse attività ed eventi dell’associazione.

capDal 2002, sempre con l’Ordine delle Lame Scaligere approccia un progetto legato al teatro, realizzando molteplici scenette allegoriche in collaborazione con la regista e drammaturga Gloriana Ferlini, ma anche diversi spettacoli teatrali: “La danza macabra” (2003 – per la regia di Sara di Benedetto), “Amori e dispute medievali” (2004 – per la regia di Gaetano Miglioranzi).

Dal 2001 al 2003 è stato insegnante di scherma storica presso la nascente Compagnia delle Lame della Torre – Scherma Storica Pavia. Sempre nel 2003 sviluppa un percorso di avvicinamento alla scherma storica presso la palestra Il Tempio degli Elfi di Verona.

Nel 2005 riprende la collaborazione teatrale con Gloriana Ferlini, partecipando allo spettacolo “Freaks 3” della Compagnia di Ilse. Nello stesso anno, da questa sinergia, nasce lo spettacolo “Destino di un uomo” (2005-2007).

Nel settembre 2008 è stato membro della commissione di sicurezza sulle armi al Campionato del Mondo di Scherma Artistica svoltosi a San Marino; in vista di tale evento è stato anche reparatore tecnico/coreografo per la coppia di schermidori di epoca medievale (Ivan Perusi e Francesco Rossetti) della squadra Nazionale Italiana.

Dal 2008 al 2010 intraprende lo studio della scherma storica rinascimentale presso l’Accademia Cangrande della Scala, sotto la guida del Maestro Andrea Cestaro.

Dal 2009 al 2011 è stato iscritto alla lista tecnica della Federazione Italiana Scherma (F.I.S.) nonché socio Fondatore della Società dei Maestri di Scherma.

Dal 2009 al 2012, sempre con l’Ordine delle Lame Scaligere e Gloriana Ferlini nelle vesti di regista e drammaturga, porta in scena lo spettacolo teatrale “C’è mondo fuor delle mura di Verona – Itinerario scaligero tra Can Grande e Dante Alighieri, Marco Polo e Gengis Khan”.

Nel 2010, insieme ad altri Istruttori, fonda l’associazione sportiva dilettantistica Scherma Storica Verona. Nello stesso anni riceve dalla Federeazione Italiana Scherma l’abilitazione al ruolo di Giudice di Scherma Storica.

Nel 2011 partecipa al video musicale di Gianna Nannini per la canzone “Ti voglio tanto bene” per la regia di Gatetano Morbioli – pruduzione Run Multimedia.

Nel 2012 avvia un progetto per la ricostruzione dell’armamentario e della spada di Cangrande I della Scala, promosso da Luca Campelli, presidente dell’A.C. Chievo Verona e realizzato da Millenium Fabri Armorum di Gianfranco De Cao e dall’oplologo Massimiliano Righini, Vice-Presidente del Consorzio Europeo di Rievocazione Storica (C.E.R.S.).

Dal 2012 al 2014 porta in scena lo spettacolo teatrale “Il carro di Tinaccio… e di tutta la Compagnia” della neonata compagnia teatrale Mentulones & Beones, per la regia e drammaturgia di Gloriana Ferlini, ricoprendo il ruolo di attore, capocomico e duellante.

Nel 2013 consegue il diploma di Istruttore Regionale in Scherma Olimpica.
Nello stesso anno recita un duetto teatrale nel ruolo di Cangrande I della Scala assieme all’attore Stefano Paiusco (questi nella parte di Dante Alighieri) in occasione della presentazione del documentario “Cangrande della Scala – Il Principe di Verona”, per la regia di Anna Lerario.

Nel 2014 e nel 2016 recita nel ruolo del Principe di Verona nello spettacolo teatrale “Giulietta e Romeo Re-LIFE” realizzato dalla compagnia teatrale SoledArte – Opera in Love (2014) e dalla compagnia teatrale Casa Shakespeare (2016) sempre per la regia di Solimano Pontarollo, occupandosi in tali occasioni anche della preparazione tecnico/schermistica degli attori e della coreografia dei duelli di Mercuzio, Tebaldo e Romeo.

Nel 2015 fonda l’Accademia che prende il suo nome, riunendo le attività schermistiche, teatrali e culturali che lo appassionano, sotto un’unico progetto.
Nello stesso anno partecipa allo spettacolo teatrale “Romeo e Giulietta – Verona in Love Kids” della compagnia teatrale Casa Shakespeare (per la regia di Solimano Pontarollo) intrpretando il ruolo di Tebaldo, coadiuvato dall’amico e collega Gabriele Schiroli nel ruolo di Mercuzio.

Nel 2018 consegue il titolo di Maestro di Scherma Storica ed Artistica presso l’Accademia Nazionale di Scherma.